Categorizzato | In evidenza

I diritti di chi non è sposato

Publicato il 15 giugno 2009 by simmessa

piace a:

La signora P. ha vissuto per dieci anni con il proprio compagno, senza mai sposarsi.
La casa era di proprietà dell’uomo ma i due, insieme, l’avevano arredata e abbellita, spendendo molti soldi e dividendo tutte le spese.
Poi si sono lasciati, senza aver avuto figli.
La signora ha dovuto cercare una casa in affitto per la quale paga 700 euro al mese, una cifra altissima per lei, dato che percepisce uno stipendio medio-basso.
La signora si è rivolta quindi allo studio per chiedere se può vantare diritti sulla casa dell’ex compagno e se può ottenere un riconoscimento per il contributo dato durante i dieci anni trascorsi con lui.

In questi casi, purtroppo, non vi sono tutele legali per l’ex convivente: infatti la legge italiana ancora oggi non considera la rottura della convivenza alla stessa stregua della separazione e del divorzio.
La signora, quindi, potrà tutt’al più cercare di ottenere dall’ex compagno la restituzione dei beni da lei acquistati o il valore degli stessi.
Diverso invece sarebbe la situazione, nel caso in cui ci fossero dei figli, perché sussiste il diritto del genitore affidatario (in genere la madre) di continuare a vivere nella casa – anche se di proprietà dell’altro – insieme al figlio.

Lascia un commento

Advertise Here
Advertise Here

Consulenze on-line

MartaColombo.it usa Paypal come metodo di pagamento delle consulenze on-line. Paypal è un metodo di pagamento sicuro, veloce e garantito!

Mandaci la tua domanda

Mandaci la tua domanda per la sezione domande e risposte qui.